Roma 2

From Wikipedia 10
Jump to navigation Jump to search
10yrs-italy flag.svg
Date
21 January, 2011; from 4:30pm
Organizer
Wikimedia Italia & Liber Liber
Location

Biblioteca Nardi - via Grotta di Gregna, 27 (Google map) - 00155 Roma

Description
  • A meeting to celebrate the Public Domain Day and the tenth anniversary of Wikipedia.
    • Debate about public domain, presenting several works by Vito Volterra the mathematician that founded the National Research Council and whose writings are now in the Public Domain (we will freely distribute some previews of e-books concerning them).
    • Presentation of a documentary explaining how a mediatheque works. The documentary will be free to load on pendrives or other USB devices, altogether with the large collection of music and e-/audio-books provided by Liber Liber.
    • A lot of PC stations with free broad-band connection.
    • Final refreshment.
Further notes
  • The Public Domain Day is an initiative of the European project Communia. The party is provided with the support of the NEXA Center on Internet & Society of the Politecnico di Torino and the Rome Comune's Mediateca Nardi.
  • In numerous world's countries, on every January 1st, works by people that have deceased seventy years before become Public Domain. For the first time, Public Domain Day will be celebrated also in Italy, with the described event in Rome.
  • Further details: Pagina Tre.
----------------------------------------------------------------
Data
21 gennaio 2011
Organizzatore
Wikimedia Italia & Liber Liber
Descrizione
  • Pomeriggio (16:30): Dibattito su pubblico dominio, Wikipedia, distribuzione contenuti liberi da copyright.
Appuntamento venerdì 21 gennaio per festeggiare il Giorno del Pubblico Dominio, e contestualmente anche i 10 anni di Wikipedia. Verranno presentate alcune opere di Vito Volterra, il noto matematico, fondatore del CNR, verranno distribuite gratuitamente e in anteprima alcuni suoi e-book, si discuterà insieme di pubblico dominio e delle energie che la libera condivisione può scatenare.
Chi vorrà, potrà assistere anche a un breve documentario che spiega cosa è una mediateca, o potrà scaricarlo sul proprio PC o memoria (penne USB, SD Card, ecc.), insieme alla vasta collezione di e-book, audiolibri e musica di Liber Liber.
Sarà anche possibile navigare gratuitamente ad alta velocità con una delle numerose postazioni multimediali accessibili al pubblico.
La festa si concluderà con un piccolo rinfresco.
Il Giorno del Pubblico Dominio è una iniziativa del progetto europeo Communia. La festa di Liber Liber è organizzata in collaborazione con il Centro NEXA su Internet & Società del Politecnico di Torino e con la Mediateca Nardi, del Comune di Roma.
  • Indirizzo: Festa GPD e Wikimedia IT - Biblioteca Nardi
via Grotta di Gregna, 27 (mappa Google)
00155 Roma
  • Nota: Cosa è il Giorno del Pubblico Dominio.
In molti paesi del mondo – Italia inclusa – il 1 gennaio di ogni anno entrano nel pubblico dominio le opere di autori deceduti sett’anni prima. Quest’anno per la prima volta la giornata del pubblico dominio viene festeggiata anche in Italia.
Il pubblico dominio, nella sua accezione più ampia, è la preziosa risorsa di informazioni che è libera da quelle barriere all’accesso o al riuso generalmente associate alla tutela del copyright, sia in quanto libera da ogni tutela sul diritto d’autore oppure perchè i detentori dei diritti hanno volontariamente deciso di rimuovere tali barriere. Il pubblico dominio è il fondamento del nostro riconoscimento come espressione del bagaglio comune di conoscenze e cultura. È la materia grezza dalla quale viene ricavata la nuova conoscenza e si creano nuove opere culturali. Il pubblico dominio funge da meccanismo protettivo onde assicurrea che questo materiale grezzo sia disponibile al costo di riproduzione – vicino allo zero – e che tutti i membri della società possano costruirvi sopra. Mantenere un pubblico dominio sano e florido è essenziale per il benessere sociale ed economico delle nostre società. Il pubblico dominio riveste un ruolo fondamentale nel campo dell’istruzione, delle scienze, del patrimonio culturale e per i dati del settore pubblico. Un pubblico dominio sano e florido rappresenta uno dei prerequisiti per assicurarsi che ogni persona al mondo possa trarre giovamento dai princìpi dell’Articolo 27 (1) della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani («Ogni individuo ha diritto di prender parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere dell’arte e di partecipare al progresso scientifico e ai suoi benefici»).
Ulteriori informazioni Pagina Tre.